una ricerca continua
NATURA MORTA Proiezione del documentario con l'autrice sabato 4 marzo alle ore 18.00 e a seguire apericena vegan - Via Fratelli bandiera 19
Natura Morta – il biocidio invisibile a norma di legge. Un documentario di Tgmaddalena
Un reportage sulle drammatiche conseguenze della diffusione di glifosato ed altri erbicidi ad alta nocività, il ruolo dell’EFSA (l’autorità europea per la sicurezza alimentare, con sede a Parma), il dramma dell’Argentina, il caso degli ulivi pugliesi (Xylella fastidiosa) e l’inquietante scenario mondiale verso la perdita dell’autonomia alimentare e la dipendenza dalle multinazionali. In Italia è il rapporto dell’ISPRA sullo stato delle acque a rivelare una situazione probabilmente “non reversibile” ma, nonostante l’allarme le istituzioni italiane concedono rinnovi delle licenze a sostanze contenenti il glifosato anche fino al 2030, e le riviste del settore propongono erbicidi quasi come unica soluzione, ma è una piccola azienda agricola a dimostrarci come e perché sia possibile “prendersi cura” della terra rifiutando questo modello. Negli ultimi decenni sono tante le realtà che, rifiutando nettamente di cedere ad un certo ambientalismo che tende a rendere “sostenibile” qualcosa di inaccettabile, si oppongono radicalmente contro l’intera struttura di questo sistema di oppressione.

Aggiornamento settembre 2016: inserito nuovo decreto che riduce utilizzo del glifosato in associazione con il coformulante ammina di
sego polietossilata
Inserito anche approfondimento su acquisizione di Monsanto da parte di BAYER, “il peggio del peggio con il peggio del peggio"

Riunione IL RISPARMIO E L'EUROPA SABATO 28 GENNAIO ORE 17:30
Gli italiani sono da sempre un popolo con un'alta propensione al risparmio. Le recenti normative europee a proposito dei salvataggi bancari stanno mettendo a rischio proprio i risparmi accumulati dai cittadini italiani. Termini come "bail in", "burden sharing" da tecnicismi finanziari si stanno trasformando in un incubo per migliaia di famiglie. Perché? Quali sono i fenomeni che stanno dietro i crolli bancari? Cosa ci può aspettare nel futuro prossimo?

Giorgio Gattei, docente di economia all'Università di Bologna
Toni Iero, responsabile ufficio studi primario gruppo finanziario nazionale

Riunione Per amore - la rivoluzione del Rojava vista dalle donne di Silvia Todeschini
VENERDI 18 NOVEMBRE ORE 21.00 c/o Archivio Storico della FAI
Via F.lli Bandiera, 19 Imola

FEDERAZIONE ANARCHICA ITALIANA (1945-2015) MEMORIA MILITANTE, ESPERIENZE TERRITORIALI CONVEGNO STORICO NEL SETTANTESIMO DELLA FONDAZIONE 22 OTTOBRE 2016
IMOLA – Sala dell’Annunziata. Via F.lli Bandiera, 17/A
Al congresso di Carrara (14-20 settembre 1945) nasceva la FAI. Dopo la Resistenza gli anarchici riprendevano il filo del loro discorso rivoluzionario nel nuovo contesto politico e sociale italiano. Decimati nella lunga lotta antifascista, sconfitti nella guerra di Spagna, spettatori inermi della bolscevizzazione del movimento operaio, i vecchi militanti si apprestavano al duro passaggio dal protagonismo di massa primo novecentesco alla testimonianza. Così il movimento si rigenerava in una sorta di “neo-anarchismo” attraverso contaminazioni culturali con la sinistra eretica degli anni Cinquanta, con i movimenti di contestazione dei decenni successivi. Nel lungo Sessantotto italiano e fino all’era della globalizzazione, nuove generazioni raccoglievano il testimone di lotta e di impegno contribuendo a sedimentare identità e controculture sovversive libertarie, fino agli albori del nuovo millennio. Alcuni fra i militanti attivi e presenti negli ultimi decenni ne discutono oggi attraverso tre chiavi interpretative principali: l’indagine storiografica, la memoria individuale, la riproposizione delle esperienze organizzative territoriali

programma

ore 9,30
ASFAI, saluto e introduzione ai lavori

La memoria militante

discussant: Giorgio Sacchetti
contributors: Mariella Bernardini, Antonio Cardella, Tiziana Casati, Federico De Nitto, Rino Ermini, Aurora Failla, Ludovico Fenech, Giovanna Gervasio, Pippo Gurrieri, Gianni Landi, Alfredo Mazzucchelli, Enrico Moroni, Leonardo Muggeo, Patrizia Nesti, Soledad Nicolazzi, Massimo Ortalli, Settimio Pretelli, Fausto Saglia, Alfredo Salerni, Cosimo Scarinzi, Walter Siri, Alfredo Taracchini, Cristina Valenti.

ore 13,00
pausa

ore 15,00
Esperienze organizzative territoriali

discussant: Franco Schirone
contributors:Enrico Calandri, Francesco Fricche, Comidad, Giordano Cotichelli, Andrea Ferrari, Massimiliano Ilari, Domenico Liguori, Jorio Medici, Italino Rossi, Maurizio Zicanu.

ore 16,30
La FAI e gli snodi storici del secondo Novecento
discussant: Italino Rossi
contributors: Tiziano Antonelli, Franco Bertolucci, Massimiliano Ilari, Giorgio Sacchetti, Franco Schirone, Massimo Varengo, Claudio Venza.

ore 18,00
Pubblico dibattito
ASFAI, conclusione dei lavori

Riunione Spagna 1936 Anarchismo e Rivoluzione Convegno di studi a 80 anni dalla Rivoluzione Spagnola Sabato 23 luglio Sala dell’Annunziata in via F.lli Bandiera, 17/A – Imola a partire dalle ore 15:00
Relatori
Daniele Ratti Le radici delle due Spagne
Enrico Acciai
I primi volontari italiani in Spagna: la Sezione Italiana della Colonna Ascaso
Giorgio Sacchetti Aviazione legionaria: crimini fascisti nella guerra di Spagna

Nel corso della giornata saranno proiettati alcuni filmati originali prodotti dalla Cnt nel 1936-1937.
Sarà allestita la mostra LA CATALOGNA BOMBARDATA realizzata dal Memorial Democratic di Barcellona e una seconda mostra sugli anarchici italiani combattenti in Spagna.
Sarà inoltre esposta una piccola esposizione di reperti della Rivoluzione Spagnola

L’ULTIMA ERA PRESENTAZIONE DEL LIBRO DI ENRICO MANICARDI EDIZIONI MIMESIS eterotopie, 2012 VENERDI 17 GIUGNO ORE 21:30
Comparsa, decorso, effetti di quella patologia sociale ed ecologica chiamata civiltà

Lo spettro della crisi agita ormai le preoccupazioni di tutti, ma la domanda più pertinente sembra essere elusa: che cos'è questa crisi che ci tormenta? È soltanto uno stato passeggero in procinto d'essere superato da una Nuova Economia, una Nuova Politica, una Nuova Ecologia, o è qualcosa di cronico, di radicato fin nel profondo del nostro stesso modo civilizzato di vedere le cose?

PRIMO MAGGIO ANARCHICO
Anche quest’anno l’Assemblea degli Anarchici Imolesi promuove una giornata di mobilitazione per la lotta sociale in occasione della giornata del 1° Maggio.
Alle ore 11, in Piazza dell’Ulivo, comizio dei compagni operai Paolo FAZIANI e Ivan MONTEFIORI.
Distribuzione della stampa anarchica e volantinaggio.
A seguire pranzo sociale di autofinanziamento presso la sede di Via Fratelli Bandiera 19.
Nel pomeriggio dalle 12 alle 19, quinta Coppa Precaria di calcetto (“Dare un calcio al precariato”) organizzata dal Centro Sociale Autogestito Brigata 36 di Imola.

Domenica 10 aprile 2016 ore 16:30 INIZIATIVA ANTIFASCISTA pubblica discussione con: Saverio FERRARI (presidente dell’Osservatorio sulle nuove destre) Daniele BARBIERI (giornalista) “NEOFASCISMI IN ITALIA”
Saverio Ferrari è nato e vive a Milano. Da anni studia il fenomeno delle destre radicali e si occupa di ricerche storiche relative agli anni della "strategia della tensione".
Dal 1999 dirige l'Osservatorio Democratico sulle Nuove Destre(www.osservatoriodemocratico.org). Nel 2006 per Nuova Iniziativa Editoriale ha dato alle stampe, in allegato con «l'Unità», "Da Salò ad Arcore. La mappa della destra eversiva" e "Le stragi di Stato. Piccola enciclopedia del terrorismo nero. Da Piazza Fontana alla stazione di Bologna". Per BFS edizioni ha già pubblicato nel 2009 "Le nuove camicie brune. Il neofascismo oggi in Italia" e nel 2010 "Fascisti a Milano. Da Ordine nuovo a Cuore nero".

LA CITTADINANZA È INVITATA

Durante ogni iniziativa sarà possibile firmare l’appello
“NO ALLA LEGITTIMAZIONE E ALLA PRESENZA DI MOVIMENTI NEOFASCISTI”

SABATO 26 MARZO ore 16:00 Presentazione del fumetto di Jean Pierre Ducret "LA RIVOLUZIONE RUSSA IN UCRAINA LA STORIA DI NESTOR MAKHNO ILLUSTRATA DA J.P. DUCRET" Carrara, Biblioteca Archivio Germinal, 2015.
Raccontare la storia di Makhno con le immagini. Questa era l’idea di Ducret. Ma il suo segno, inizialmente, era più adatto ai manifesti (segni larghi per essere letti sui muri delle città) che ai fogli da disegno, così comincia a disegnare e cancellare, rifare, gettare tutto di nuovo, e nel frattempo studiare. Studia la storia di questo personaggio un po’ dimenticato anche dal movimento anarchico. Studia il periodo della rivoluzione sovietica, la geografia e l’ambiente ucraino, i documenti e le immagini, per ricreare sulla carta le atmosfere, i personaggi e i luoghi. Quello che ne risulta è una storia fatta di storie che tratteggia il quadro di un periodo molto complicato. Le tavole di Ducret ci portano, con la forza di un treno che viaggia nel tempo e nello spazio, nelle storie di Emma Goldman, Alexander Berkman, Piotr Kropotkin, Senia Flecin, in quelle dei semplici contadini e disertori dell’armata rossa che si uniscono ai makhnovisti; ci guidano attraverso i personaggi, che ci raccontano in prima persona i loro ricordi, i loro incontri e le loro avventure; ci ritroviamo così a cavalcare nella neve o a bere vodka in squallide bettole, o ancora in mezzo alle imboscate compiute da Makhno e i suoi compagni per cacciare dalle terre ucraine i nemici del popolo: Wrangel con la sua armata bianca e Trozky con l’armata rossa. Jean Pierre Ducret, che non è un fumettista di professione ma che già dal primo volume ci ha fatto capire quanto sono potenti le sue immagini, unisce il suo tratto, che dai tempi dei manifesti si è affinato, con continue citazioni e rimandi ad altri fumetti, film, quadri, disegni dell’epoca e fotografie.

SABATO 12 MARZO ORE 17:00 presentazione del DOCUMENTARIO diretto da Fabiana Antonioli "IL SEGNO DEL CAPRO” prodotto da FILMIKA scrl Memoria dovuta a storie, persone e luoghi di anarchia in Italia
Gli anarchici sono una minoranza, condannata da sempre.
Perchè è sempre stata loro la “colpa”?
Porre a valori più alti fratellanza e cooperazione, autorealizzazione e partecipazione sociale, combattere da sempre ogni dittatura, quale pericolo costituisce?
Infine, a chi serve far credere che gli anarchici sono quello che non sono ?
Svelando biografie sottovalutate e ridando spazio a figure emarginate, oggi che ogni forma politica ha mostrato il limite, “Il segno del capro” vuole attribuire la giusta rilevanza ad una idea, attraverso i racconti di chi quell’idea l’ha vissuta, nel Paese in cui vivo.
Sarà presente l'autrice

SABATO 27 febbraio 2016 ore 17:30 FASCISTI DI IERI, FASCISTI DI SEMPRE
Discriminazione razziale, xenofobia, esclusione del diverso, identitarismo, nazionalismo, sopraffazione...
La faccia con la quale il neo (vecchio) fascismo si ripresenta, anche nella nostra città, è qualcosa che abbiamo già visto e che non vogliamo più vedere.
Per un mondo di liberi ed uguali, contro ogni forma di odio sociale.

interverrà
STEFANO RASPA
del Gruppo Anarchico di Pordenone

LA CITTADINANZA E' INVITATA
c/o Archivio Storico della FAI
Via F.lli Bandiera, 19 Imola
cortile interno, entrata dal parcheggio dell’ “Ospedale Vecchio”

Riunione FICEDL 2016
Incontro internazionale della Federazione internazionale dei centri studi e di documentazione libertari (FICEDL).
Sabato 09, domenica 10 aprile 2016 al Circolo Anarchico “C. Berneri” piazza di porta S. Stefano, 1, Bologna.









La FICEDL è la Fédération internationale des centres d’études et de documentation libertaires riunisce decine di archivi e biblioteche provenienti da tutto il mondo. È nata nel 1979 a Marsiglia e da allora si riunisce periodicamente in luoghi differenti.



Assemblea degli anarchici imolesi FEBBRAIO 2016 c/o Archivio Storico della FAI SABATO 13 febbraio 2016 ore 17:30 Presentazione, cura di Massimo Ortalli del libro
Luigi FABBRI
LA PRIMA ESTATE DI GUERRA
Diario di un anarchico (1 maggio-20 settembre 1915)
a cura di Massimo Ortalli
prefazione di Roberto Giulianelli
BFS Edizioni

Il diario di Luigi Fabbri è un documento straordinario nel suo genere, rimasto chiuso nei cassetti dell’archivio familiare per oltre 85 anni e riemerso alla luce del sole grazie alla generosità della amata figlia Luce, che alla fine del secolo scorso ne volle fare un gentile omaggio agli amici e compagni italiani. Il diario è un unicum, primo perché è un’opera rara e originale di tipo memorialistico che proviene dal campo libertario e forse non solo, secondo perché è la testimonianza viva del perturbamento e della drammatica divisione tra interventisti e anti-interventisti scatenata dall’esplodere del Primo conflitto mondiale.

Assemblea degli anarchici imolesi
Asociaciòn Culturale Bruno Alpini
Circolo Studi Sociali Errico Malatesta
Archivio Storico della Federazione Anarchica Italiana

VENERDI' 11 DICEMBRE ore 21 presentazione del libro di CHIARA GAZZOLA "Tra diagnosi e peccato" edizioni Mimesis
Questo testo propone un approfondimento del legame fra la disciplina psichiatrica e gli ambiti religiosi. Emerge una pianificata incoerenza fra gli intenti dichiarati e una prassi, sia storica che attuale, legittimata nell'amministrare un'esclusione sociale edificata sul controllo e sul profitto. Attraverso il labile concetto di "norma comportamentale" viene sancita ogni devianza, declinandola sui peccati e sulle diagnosi. Fra senso di colpa, paura, emarginazione, conformismo, paradossi filosofici, punizioni e sofferenza si collocano le esperienze eccezionali di chi ha saputo resistere, di chi non ha accettato l'annientamento della propria libertà. La volontà di ricostruire una memoria cancellata dai timbri maschili darà voce a un coro femminile che ridipingerà contesti storici e pensieri scomodi. Se l'umanità non temesse l'imprevedibilità, potrebbe non delegare le soluzioni a elaborazioni totalitarie. L'analisi è completata da un'intervista a un esorcista e dalle conversazioni con il medico Giorgio Antonucci e con l'antropologa Michela Zucca.
Sarà presente l'autrice
Chiara Gazzola, autrice di Il desiderio, il controllo, l’eresia (con Luisa Siddi, ed. La fiaccola), Le urla dal silenzio (ed. Aliberti), Divieto d’infanzia (ed. BFS). Di formazione antropologica, partecipa da anni al dibattito sui temi bioetici e su quelli dell’ingerenza messa in atto dalle istituzioni mediche e religiose a danno della libertà di scelta degli individui.

SABATO 5 DICEMBRE ore 17 presentazione del libro sui KINA "Come macchine impazzite” Il doppio sparo dei Kina GIANPIERO CAPRA e STEFANIA GIACOBONE
Se l’Irlanda è conosciuta per Oscar Wilde, la Guinness e gli U2, la Valle d’Aosta è famosa per le montagne, la fontina e i Kina.
Come hanno fatto tre ragazzi nati in una piccola città circondata dalle Alpi a incendiare i palchi più combattivi di mezza Europa per oltre un decennio?
Come macchine impazzite è un intreccio di due narrazioni ambientate in epoche diverse ma sullo stesso asse geografico (Aosta-Torino-Berlino), entrambe girano sulla giostra della vita mosse dalla contraddittoria energia del punk.
La prima, raccontata dalla voce del bassista Gianpiero Capra, è la cronaca dell’avventura di un gruppo seminale della scena hardcore italiana, i Kina. Una vicenda vissuta in prima fila nelle trincee degli anni ottanta, tra interminabili tour, sfide all’ultimo accordo e notti trascorse sui materassi più precari di un’Europa ancora divisa.La seconda storia è quella di Stephania Giacobone, una giovane della Valle d’Aosta che s’appassiona a una band nata dalle sue parti tanti anni prima, al punto da prendere dalla musica e dal loro immaginario, gli strumenti adatti per iniziare un percorso di riscatto personale.L’incontro di Stephania con Gianpiero segnerà la chiusura del cerchio che ha come esito un libro scritto sul crinale di una memoria in grado di agire sul presente, in contrapposizione all’oblio nostalgico.L’ultima parte del volume è dedicata all’apparato iconografico e alle testimonianze dei partecipanti al viaggio dei Kina, tra cui il chitarrista Alberto e il batterista Sergio.

Incontro con Gianpiero Capra, autore del libro e bassista dei mitici Kina